Web
Analytics

Il segreto dei monaci ZEN per raddoppiare il metabolismo controllando l’umore.

Il segreto dei monaci ZEN per raddoppiare il metabolismo controllando l’umore.
novatum

“E’ una vita che faccio diete, che cerco di mangiare cose sane e leggere, verdure, cibi senza grassi, possibile che sia costantemente sovrappeso e che abbia una perenne sensazione di stanchezza? Cosa potrei fare per perdere questi kg e sentirmi meglio?”

Esistono purtroppo tantissime teorie sull’alimentazione che spesso si contraddicono.

I grassi nei cibi sono cattivi, poi i grassi diventano fondamentali.

Gli zuccheri fanno male, poi i cibi senza zuccheri scopriamo fare persino peggio di quelli che lo contengono.

Adesso c’è pure gente che sostiene che l’olio di palma sia assolutamente salutare.

La verità dove sta?

Tutti i monaci ZEN riescono da sempre ad avere un metabolismo doppio rispetto ad un qualsiasi essere umano.

Negli ultimi anni ho studiato le abitudini alimentari e comportamentali dei Monaci ZEN per trovare i loro segreti che consentono di influenzare non solo il metabolismo ma anche il ritmo del dormiveglia, il loro umore e lo stress.

Come ho scritto sul manuale Nutrirsi di energia il cibo costituisce UNA MINIMA PARTE dei problemi del sovrappeso delle persone.

Certo esistono cibi ed abitudini in grado di farci sentire meglio sotto ogni punto di vista, ma bisogna ampliare il punto di vista per capire meglio il contesto dell’alimentazione.

Noi non siamo caldaie che bruciano calorie, abbiamo istinti ed un’emotività che regola i consumi del nostro corpo.

Bisogna ragionare non solo sul cibo, ma su ogni aspetto della nostra vita.

Sul riposo notturno, sulla gestione dello stress, sulla luce solare (si incide anche quanta luce naturale entra nei nostri occhi), sul tipo di attività fisica e sul nostro umore.

Se ci limitiamo a selezionare quali cibi mangiare (visto che siamo onnivori) è un po come cambiare distributore di benzina, sperando che la macchina consumi meno carburante.


Il problema NON è la benzina, ma come guidiamo la nostra automobile.

Oltretutto oggi è difficile perdere peso a causa della scarsa qualità del cibo, poichè nei supermercati e nei mercati lo scopo non è nutrire le persone ma trarre profitto dalla quantità di merce venduta.

Il metodo distributivo del cibo privilegia i cibi CHE PESANO DI PIU’ al kg rispetto all’ammontare di nutrienti sani che contengono.

Quindi una mela più bella, più grande, più pesante anche se acerba vale molto di più di una mela coltivata in piccoli terreni senza logiche commerciali.

Un supermercato impiega circa una settimana per ricevere frutta e verdura dai produttori. Il problema è che normalmente negli ultimi 10 giorni antecedenti alla maturazione inizia a formarsi la maggiorparte dei nutrienti.

Per tanto ci troviamo a comprare cibi sempre più pesanti, con sempre meno nutrienti.

I cibi acerbi è molto difficile che marciscano lungo il tragitto verso i supermercati.

Il secondo problema è la cultura stessa nei riguardi dell’alimentazione.

Le diete non funzionano perchè partono da un concetto sbagliato: “se mangio meno dimagrisco”.

Il problema è che il nostro corpo ha maturato nei millenni la dote straordinaria di ACCUMULARE GRASSO per consentirci la sopravvivenza nei periodi di carestia.

Per tanto quando mangiamo poco il nostro istinto di sopravvivenza ACCUMULA GRASSO per proteggerci.

Ecco perchè quando siamo stressati o anche solo preoccupati tendiamo ad accumulare grasso rispetto a quando siamo in vacanza.

Di per sè l’unico modo per perdere peso o per sentirci in forma diventa necessario fare attenzione a due elementi basilari.


La capacità di gestire lo stress a livello emotivo.
Che contribuisce per il 60% al blocco del metabolismo.

Individuare quali siano i cibi che ci consentano di ARRICCHIRCI DI ENERGIE, rispetto a quelli che ci impoveriscono.

Il classico esempio sono i cibi molto pesanti e molto saporiti, che sul momento appagano il palato, ma poi ci fanno sentire stanchi e giù di morale.

Rispetto agli stessi cibi CUCINATI MAGARI IN MODO DIFFERENTE che pur mantenendo un ottimo sapore ci consentono di sentirci PIENI DI ENERGIE.

Ognuno ha cibi specifici e bisogna fare delle prove per individuarli.

Anche perchè se ad esempio una persona pur mangiando “leggero” di notte fatica a RIPOSARE difficilmente riuscirà a perdere peso ed a sentirsi in forma il giorno successivo.

Anche perchè di notte, SE DORMIAMO BENE, bruciamo gli stessi grassi di due ore intense di palestra.

Ma se non ci riposiamo a sufficienza il nostro corpo entra in “modalità carestia” e blocca il metabolismo.

E’ necessario quindi affrontare il tema nutrizione in modo più completo analizzando IL COMPORTAMENTO DEL NOSTRO CORPO nelle 24 ore.

Non concentrandoci solamente su ciò che ingeriamo. Perchè altrimenti finiremmo per perderci di vista il 90% dei fattori che incidono sul nostro metabolismo.


Nutrirsi di energia è disponibile su Amazon Gratuitamente con Kindle Unlimited o a soli 9€.

0 Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*