Web
Analytics

Uomini realmente innamorati o possessivi? Cos’è il vero l’amore?

Uomini realmente innamorati o possessivi? Cos’è il vero l’amore?
novatum
spiegazione amore

Salve, a chiunque ne sia il destinatario.
Vorrei chiarimenti sul come capire se si è realmente innamorati della propria partner.
Esiste un metodo ?
Essere troppo buono e non riuscire a sfogare le emozioni verso chi lo merita
– messaggio inviato da Daniel

Grazie per la tua interessante domanda.

Spesso si pensa all’amore dal proprio punto di vista, perchè viviamo la nostra intera vita secondo il NOSTRO punto di vista.

Quindi se io provo delle emozioni per una persona, tendo a considerare Amore ogni mio pensiero ed azione nei riguardi di quella persona.

Mentre ci dimentichiamo che l’amore si compone di DUE PERSONE contemporaneamente e non solamente di una.

Il tipico errore che si tende a commettere nelle prime fasi di un rapporto è dare per scontate le proprie buone intenzioni in nome dell’amore.

Un po come se qualsiasi nostra azione, anche quelle NEGATIVE possano essere giustificate se spinta dall’amore.

Quindi magari sono geloso perchè ho paura di perdere chi amo.

Sono troppo affettuoso perchè ho paura di perdere chi amo.

Sono violento perchè ho paura di perdere chi amo.

Sono esageratamente disponibile perchè ho paura di non essere accettato.

Il problema è che questa visione “egoistica” dell’amore è la stessa che spinge le persone a giustificare la violenza, le uccisioni, in nome dell’amore, della gelosia o della religione.

Un terrorista che mosso dal proprio amore per la fede in Dio si fa esplodere in suo nome, determina la fine di vite innocenti. Non sta dimostrando la sua fede, sta terminando vite umane con una “scusa”.

Quindi seppure l’intenzione di testimoniare la propria fede possa essere nobile di per sè, l’esecuzione sommaria di innocenti non lo potrà mai essere.

Quindi l’amore NON PARTE MAI DA NOI INDIVIDUALMENTE.

Quando PARTE DA NOI NON è AMORE è possessività.

Per tanti l’amore è un’insieme di immagini, di sensazioni.

Le farfalle nello stomaco, i cuori nell’aria, le giravolte sugli “Champs Elysee”, i baci appassionati sulle saracinesche dei negozi all’imbrunire della notte.

L’amore non è un pensiero, l’amore è la condivisione tra due persone.

Condivido la mia casa con la donna che amo, condivido un viaggio, dei ricordi, condivido l’impegno per crescere dei figli, per partecipare alle spese mensili.

Condivido l’impegno per mantenere la casa, condivido i momenti difficili della mia donna anche se non ho voglia di ascoltarla, perchè quando io avrò dei momenti difficili lei condividerà le mie sofferenze.

L’amore significa togliere NOI STESSI dall’equazione “IO + TE = AMORE”

L’amore nasce quando SPARISCE “IO, ME STESSO” E “TU, TE STESSA” ma rimane solamente NOI.

Quando CONDIVIDIAMO c’è amore, quando non condividiamo non c’è amore.

Questo è il pensiero che dovrebbe guidare i nostri rapporti umani.

Anche quando c’è amore fisico, si condivide fisicamente un momento di passione.

Le coppie NON AVREBBERO NULLA per cui litigare se passassero più tempo a condividere maggiormente la loro vita con il partner di quanto non perdano tempo pensando a loro stessi.

Un esempio controverso ma vero è che quando UNO DEI DUE PARTNER SI IMPEGNA PER RENDERE FELICE PER COMPIACERE L’ALTRA PERSONA normalmente è una persona egoista che sta deteriorando il rapporto.

Il motivo è semplice.


S’impegna perchè si aspetta qualcosa indietro. Ecco perchè quel momento è egoista, perchè non cerca di condividere.

Cerca di COMPRARE l’affetto, REGALANDO IL SUO AFFETTO.

Ma di fatto finisce solamente per SVALUTARE non solo il proprio affetto, ma SVALUTA SE STESSO.

Perchè noi esseri umani diamo valore solamente a ciò che CONQUISTIAMO a ciò che CACCIAMO, a tutto ciò che richiede un sacrificio per essere ottenuto.

Ecco perchè le persone “amano” i mobili ikea, non perchè siano più belli o più economici.

Ma perchè hanno investito del tempo, si sono sacrificati per COSTRUIRE I LORO MOBILI e queste emozioni li hanno gratificati enormemente.

Molto più di comprare un mobile realizzato ad arte da qualche artigiano.

Perchè NOI VOGLIAMO METTERE NOI STESSI NELLE COSE CHE FACCIAMO per appagare il nostro orgoglio.

Quindi finiamo per voler METTERE NOI STESSI NEL RAPPORTO, finendo per dimenticarci che nel rapporto di coppia non ci sono solamente “IO ME STESSO”, SIAMO IN DUE.

Per quello che è così importante e difficile CONDIVIDERE. Perchè bisogna IMPEGNARSI per dare spazio all’altra persona e bilanciarci, in modo da essere in equilibrio in continuazione, nonostante le oscillazioni.

E’ come stare su una di quelle altalene, dove agli estremi della sbarra sono seduti due bimbi.

Quando un estremo si alza, l’altro si abbassa.

L’amore è impegnarsi costantemente per fare in modo che l’altalena mantenga il più possibile l’equilibrio.

Non solo quando ci fa comodo, non solo quando siamo riposati e siamo in vacanza.

Lì è facile andare d’accordo.

L’amore si misura quando ci sono momenti difficili, quando si hanno pressioni sul lavoro, quando si è stanchi, quando si è giù di morale.

Lì si misurano i partner che si amano, da quelli che stanno insieme.

Certo la vita crea inevitabilmente delle oscillazioni. Altrimenti dopo un po moriremmo di noia.

Ma l’amore è IMPEGNO, è sforzo, è pazienza.

E’ l’impresa più dura, più logorante, più faticosa ed al tempo stesso più preziosa.

Così com’è difficile, logorante, impegnativo e rischioso trovare dei diamanti nel sottosuolo.

Solo un illuso si mette insieme ad una persona pensando che non ci saranno problemi o difficoltà.

Detto questo, tornando alla tua domanda, quello che mi preoccupa è il passaggio quando dici che sei troppo buono e che non riesci a trattenere le tue emozioni.

Una persona quando è troppo buona cerca disperatamente di essere amata, ma tende ad avere dei tratti pericolosamente narcisistici.

Tende a fare di tutto pur di andare bene alla prossima persona e si sente profondamente delusa quando non viene apprezzata.

Perchè tu sei stato buono, ti sei impegnato, hai dato tutto il meglio di te stesso e non vieni magari “ricambiato”.

NON E’ GIUSTO, verrebbe da dire leggendo la storia superficialmente.

Ma se pensi all’equazione di prima l’amore non è una componente di due EGO che si sommano tra loro.

L’amore è condivisione.

Quindi l’altra persona probabilmente NON SI SENTE PARTECIPE nella vostra coppia, perchè stai facendo troppo per lei.

Lei si sente INUTILE, sente di non avere spazio e tempo per DARE IL SUO CONTRIBUTO.

Non ha lottato, non ha contribuito, non si è impegnata per ANDARTI BENE. Hai sempre fatto tutto tu e lei adesso non sa cosa fare.

Il “mobile” l’hai già montato interamente tu e lei si è annoiata tutto il tempo, perchè avrebbe voluto montare almeno qualcosina anche lei.

Questo le impedisce di sentirsi coinvolta nella storia.

Di conseguenza NON RIESCE A PROVARE AMORE perchè non le stai consentendo di sentirsi partecipe.

Si sente come il pubblico ad uno spettacolo teatrale, dove tu sei l’attore, l’orchestra e la scenografia.

Lei COSA PUO’ FARE OLTRE A GUARDARE?

Quello che ti consiglio quindi è di provare a togliere “tutto quello che puoi fare per lei, per essere accettato da lei” e limitarti a creare occasioni per condividere dei momenti piacevoli insieme.

In quel modo non solo si sentirà meglio in tua compagnia, ma poco alla volta sentirà di amarti molto profondamente.

Perchè tu sarai uno dei pochi uomini, in grado di renderla partecipe di qualcosa di speciale, che tutto il mondo ricerca da sempre: l’amore.

Stai attraversando un momento difficile?

Se vuoi contattare uno dei nostri autori Invia un messaggio

Su Amazon ed iTunes trovi il manuale “Come sconfiggere il tuo nemico interiore

0 Comments

Leave a reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

*